Nicoletta Bortolotti

Nicoletta Bortolotti, nata in Svizzera, vive a Milano ed è redattrice, copy editor e autrice presso Mondadori, oltre che mamma.

Nasco come scrittrice per adulti” racconta. Il filo di Cloe (Sperling&Kupfer) e E qualcosa rimane (Sperling&Kupfer) sono i miei precedenti libri per adulti, ormai fuori catalogo, anche se spero sempre di ripubblicarli. Dal 2012/2013 ho iniziato a scrivere per i ragazzi, perché è nata in me questa voce narrante, un po’ adolescente, ragazzina. I due tipi di scrittura viaggiano in parallelo, non mi sento di essere solo scrittrice per adulti o solo scrittrice per ragazzi. La scrittura segue le fasi della vita e cambia insieme a noi. Ho scritto anche libri comici (Neomamme allo stato brado, Baldini & Castoldi Dalai) mentre ora mi sto orientando più verso una scrittura di tipo drammatico”. (https://www.bookaddicted.it/nicoletta-bortolotti-intervista/ ). Incontra studenti nelle scuole di tutta Italia. 

Ha pubblicato, fra gli altri, i libri per ragazzi Sulle onde della libertà (Mondadori), finalista al premio Bancarellino e vincitore del premio Comoinrosa, In piedi nella neve (Einaudi Ragazzi), finalista al premio Bancarellino, vincitore del premio Il Gigante delle Langhe e del premio Letteratura Ragazzi Cassa di Cento, Oskar Schindler Il Giusto (Einaudi Ragazzi), vincitore del premio Città di Cattolica.  Nel 2018 sono usciti La bugia che salvò il mondo (Einaudi ragazzi) e Chiamami sottovoce (Harper Collins). Il suo ultimo romanzo è Disegnavo pappagalli verdi alla fermata del metrò (Giunti).

Già ospite del festival La Vallata dei libri bambini, Nicoletta Bortolotti sarà con noi insieme ad Ahmed Malis nell’edizione del 2021.